1. Trapianto di capelli in Turchia, consigli importanti.

La destinazione principale per il trapianto di capelli, che da qualche anno è da considerarsi l’intervento estetico maschile più importante in tutto il mondo, è senza dubbio la Turchia.

Sottoporsi a un intervento di trapianto di capelli rappresenta attualmente una vera e propria moda nella maggior parte dei paesi del Medio Oriente. Anche molti europei partecipano a questo trend e nell’ultimo anno, è aumentato anche il numero di persone provenienti da Stati Uniti, Australia e Canada.

Si stima che in Turchia siano eseguiti più di 5.000 trapianti di capelli ogni anno, e secondo gli esperti questi numeri sono destinati a crescere.

Il Paese rappresenta la culla della hair restoration. Alcuni tra i più importanti chirurghi specializzati al mondo offrono nella loro clinica questo servizio sempre più richiesto e l’innovazione tecnologica, favorita da continue ricerche, permette di ottenere risultati d’eccellenza.

trapianto capelli turchia estrazioni manuali

  1. Perchè andare ad Istanbul per la chirurgia?

È vero che vi è il rischio di andare incontro a risultati poco soddisfacenti sottoponendosi ad un trapianto di capelli in turchia? Prima di rispondere a queste domande o di dire che vi sono paesi del mondo dove gli standard sono più alti, è necessario esaminare attentamente la situazione attuale.

Vi sono, infatti, molte cliniche in Turchia che dichiarano di essere in grado di eseguire trapianti di capelli, ma sfortunatamente i risultati che ottengono sono di basso livello e, a volte, agiscono senza licenze né autorizzazioni.

Innanzitutto, il trapianto di capelli è un’operazione che, in tutto il mondo, è regolamentata dalla legge, e deve essere eseguita da un chirurgo, come avviene in ogni operazione. Analizziamo di seguito i vari stadi del trapianto e il ruolo del chirurgo in ognuno di essi.

 

  1. Gli step del trapianto di capelli

Il trapianto di capelli è una tecnica chirurgica che permette di restituire densità a zone del cuoio capelluto affette da calvizie o diradamento.

Ogni caso deve essere attentamente analizzato in quanto ciascun individuo presenta caratteristiche e peculiarità uniche. Sarà quindi necessario un consulto preventivo che può essere eseguito online o direttamente presso la clinica per definire se il paziente sia o meno un buon candidato per la chirurgia e per delineare nello specifico il piano di intervento per l’ottenimento di un risultato ottimale e naturale.

Il trapianto di capelli consta di tre fasi principali:

1 – Estrazione delle graft: questa fase dura indicativamente 2/3 ore e deve essere eseguita dal chirurgo. Con il termine graft indichiamo le unità follicolari, cioè gruppi di capelli che contano da 1 a 5 unità.

2 – Realizzazione di incisioni in area ricevente, dove saranno poi inserite le graft, cioè l’area del cuoio capelluto caratterizzata da caduta o diradamento.

3 – Innesto delle graft in area ricevente.

Le prime due fasi, in tutto il mondo, sono eseguite da un medico specializzato. Vi sono dei requisiti specifici dal punto di vista etico e legale.

La terza fase è eseguita da un medico o da infermiere formate a seconda della tecnica utilizzata dal chirurgo.

  1. Trapianto di capelli con tecnica FUE

Analizziamo nello specifico la tecnica di estrazione FUE (Follicular Unit Extraction). Si tratta della metodica più innovativa di esecuzione della prima fase della chirurgia. A differenza di quanto accade quando si esegue un intervento FUT (Follicular Unit Transplantation), anche noto con il nome di Strip, che prevede l’estrazione di una losanga di pelle dalla zona donatrice dello scalpo da cui saranno poi selezionate le singole unità follicolari, con il metodo FUE le singole unità follicolari sono estratte direttamente dalla zona occipitale tramite l’ausilio di uno strumento specifico definito punch. Questo strumento può essere manuale o motorizzato e può presentare caratteristiche e dimensioni diverse a seconda delle esigenze e delle caratteristiche del paziente.

L’obiettivo del chirurgo è riuscire a ottenere graft vitali, senza che si danneggino, riducendo al minimo il cosiddetto rischio di transection, in modo che il trapianto possa riuscire e le unità follicolari riescano a dare vita a nuovi capelli che inizieranno il loro ciclo di vita nelle zone glabre o diradate.

Il trapianto con metodo di estrazione FUE è ideale per quei pazienti che desiderano portare i capelli molto corti dopo la chirurgia. A differenza del trapianto Strip, che porta alla formazione di una cicatrice di forma allungata che può estendersi da un orecchio all’altro, il trapianto eseguito con metodo di estrazione FUE, se ben eseguito, porta a esiti cicatriziali pressoché invisibili. Sono naturalmente essenziali grandi abilità e competenze da parte del chirurgo e dell’equipe medica.

  1. Le diverse tipologie di cliniche in Turchia

Sulla base di quanto detto, possiamo dividere le cliniche in Turchia in tre categorie:

1 – In questa categoria rientrano quelle cliniche in cui il primo e il secondo stadio della chirurgia sono eseguiti da un chirurgo specializzato in un ospedale o in una clinica a norma. Queste cliniche sono attive in Turchia da almenno 7 – 10 anni, hanno una lista d’attesa di circa 2 – 3 mesi e offrono ottimi risultati.

2 – Nella seconda categoria, indichiamo quelle cliniche che sono generalmente pubblicizzate sfruttando il nome di un chirurgo o di un ospedale e presso le quali i prezzi sono notevolmente inferiori. İl ruolo del chirurgo durante il trapianto consiste esclusivamente nel disegno della linea frontale.

In alcuni casi incontrerete tecnici che si dichiarano “Specialisti del trapianto di capelli”, “Specialisti FUE”, e vi mostreranno delle licenze mediche false. È importante sottolineare che in nessun paese al mondo esistono titoli del genere.

3 – Nell’ultimo gruppo sono da annoverare dei centri che hanno sede in luoghi eleganti, ma che non sono affiliati ad alcun ospedale. Investono ingenti somme nel marketing, nel tentativo di convincere i clienti con stupende foto di hotel di lusso a prezzi stracciati.Non prestano attenzione né ai risultati né alla salute del paziente, e promettono trapianti con numeri elevatissimi o illimitati di unità follicolari in una sola sessione.

 

  1. L’importanza di svolge accurate ricerche e il ruolo del web

Non è raro che utenti stranieri si lascino ammaliare da siti web curatissimi di cliniche o centri eticamente poco corretti. Purtroppo i risultati del trapianto non rispecchiano poi le aspettative del paziente.

La Turchia svolge da diversi anni un ruolo centrale nel panorama della chirurgia della calvizie, tuttavia è essenziale rivolgersi a cliniche accreditate, che prestino attenzione alla qualità dei risultati e alla salvaguardia della salute del paziente che decide di sottoporsi all’intervento.

Se si scelgono il giusto chirurgo e la giusta clinica, il trapianto di capelli può essere una procedura economica ma allo stesso tempo di alto livello.

Non dimentichiamo che la Turchia rappresenta anche una vera e propria gemma dal punto di vista storico e naturalistico. Il viaggio può divenire un’ottima occasione di conoscenza.

Sicuramente lo strumento migliore per difendersi da pubblicità ingannevoli e false promesse è internet. Forum e blog specializzati offrono innumerevoli suggerimenti e spunti per una ricerca consapevole.

Perché una clinica possa essere presa in considerazione al momento della scelta, deve innanzitutto mettere a disposizione dell’utenza report video e fotografici chiari e aggiornati delle proprie operazioni chirurgiche.

Grazie al web, i potenziali pazienti hanno anche la possibilità di leggere report scritti da coloro che si sono già sottoposti a un trapianto di capelli, condizione essenziale per una decisione ben ponderata. Consigliamo a questo proposito Bellicapelli forum, piattaforma specializzata che vanta la partecipazione di migliaia di utenti, e Blog Calvizie, strumento essenziale per una conoscenza approfondita di tutti gli aspetti che riguardano il trapianto di capelli e la caduta dei capelli in generale.

trapianto di capelli in turchia con il dott. Tayfun